La casa dalle finestre che ridono

Articolo di Marilisa Mainardi

Questo film è una storia di scheletri nell’armadio. E per questa volta, non si tratta di una metafora.

Buono Legnani è morto, ma aleggia sulle nostre teste, nelle nostre menti.

Tanto s’è scritto e tanto si scriverà ancora su questa pellicola del 1976, uscita un po’ in sordina e diventata cult negli anni a venire.

Questo è accaduto per molti motivi ma in realtà per uno solo: è un film molto bello.

Poi metteteci che in questa critica c’è anche l’amore per la mia terra (sono di Budrio) e per quei paesaggi fra la Bassa e il Polesine, portatrici di nebbiosi pensieri e subitanee melanconie. Comunque, va da sé che Pupi Avati, con questa suo primo thriller, incanta il pubblico.

La storia narrata doveva svolgersi inizialmente negli States, ma per fortuna Avati s’è ravveduto e ha deciso di filmare i paesaggi della sua infanzia, le cose a lui familiari, la seducente desolazione di una terra umida e brumosa.

Stefano, giovane restauratore, viene chiamato in un paesino del ferrarese per recuperare l’affresco di un autore locale, rinvenuto nella chiesa. Sin dal suo arrivo si palesano personaggi dai contorni bizzarri e molto forti. La maestra lasciva e chiacchierata, il conducente d’auto ubriacone (un favoloso Gianni Cavina, co-autore della sceneggiatura), il sindaco che copia il look ad Al Capone, la pensionante impicciona, lo scemo del villaggio, il prete conservatore, la paralitica. Ci sembrano macchiette, sì, ma tutte raccontate con attenzione, caratterizzate con una cura quasi felliniana. Questi personaggi si muovono nelle pianure sconfinate della Bassa, a contatto con un mondo semplice e famigliare, ma vagamente sudicio. Le case e la pensione non sono mai tinteggiate di fresco, le vettovaglie stantie, l’osteria ingombra di mosche.

cinemasecondobegood.blogspot

movieplayer

E’ in questo clima semplice e di poche pretese che nasce la storia d’amore tra Stefano e la giovane nuova maestra, Francesca. Un amore narrato in maniera forse superficiale, sebbene assuma immediatamente toni di importanza capitale. Credo che l’inserimento di questa storia d’amore venga posto a contrasto con l’inenarrabile perversione di Bruno Legnani, il pittore, e alla realtà in cui ha vissuto e che, per certi versi, continua ancora a vivere.

pomposa

Il finale è quanto di più inatteso ci si possa immaginare. Schioccante per moltissimi versi. Io non riesco più a sentire il nome “Laura” senza pensare alla inquietante e turbante scena conclusiva. Scena conclusiva cui lo stesso Avati ha dovuto porre rimedio dopo averla sottoposta ai produttori: la mano che vedete nell’ultima inquadratura, quella sull’albero, è la sua. Una scena girata e montata a parte. Necessaria – a detta dei critici dell’epoca- per lasciare un finale aperto.

Ma un finale aperto non serve. E’ la cieca e cupa disperazione che prende il protagonista a rendere questa conclusione un capolavoro assoluto. E’ l’omertà del paesino dove alla fine tutti si alleano nel nascondere un segreto truce e straziante, che tutti conoscono, ma che nessuno osa guardare alla luce del sole.

E la straziante bellezza d’un’assolata pianura, dove tutto è bello e limpido, rende ancora più forte –quasi per contrasto- la cupezza dell’animo umano.

Rarissimo trovare critiche negative ed impossibile, dal mio punto di vista, farne.

Forse forse sono un po’ troppo splatter e decisamente inutili le coltellate quasi sul finale; probabilmente dovevano rendere un pathos che in realtà realmente non si realizza perché, come spesso accade, sono molto più in inquietanti i film in cui non si versa nemmeno una goccia di sangue di quelli in cui ne scorre a fiumi.

I dialoghi sono ben costruiti così come i personaggi che li animano. Ottimo il ritmo, le musiche, il delizioso “Tema di Francesca”.

Nulla manca a questo film per essere incoronato come miglior thriller-horror (decidete voi il genere, anche se non credo abbia molta importanza) italiano.

Da allora molti ci sono andati vicino ma pochi hanno saputo ottenere lo stesso.

Con buona pace della Bassa, che se ne sta lì, languida, in attesa che qualcuno torni a farla parlare di sé.

Buona visione!

silenzio-in-sala

Una pinta, più di un sorso.

Benvenuti!

Se siete approdati su questo blog, magari vi state chiedendo: ‘ Come mai “una pinta di cinema”?’ Ci sembra giusto iniziare con una piccola spiegazione.

Una pinta di cinema è… un po’ più di un sorso.

Una pinta si assapora, scoprendone le sfumature, i retrogusti, gli aromi.

Una pinta di cinema la si può godere quando si ha un po’ di tempo da dedicarsi, magari dopo una giornata stancante. Sorseggiare un buon film è rilassante, riposante, ma anche interessate, intrigante.

Una pinta di cinema è quello che ci vuole, non per spegnere il cervello, ma per accendere spunti di riflessione, idee, fantasie.

Una Pinta di Cinema è.. nata come un ciclo di incontri, diciamo pure “lezioni informali”, tenutesi in un pub della dotta Bologna, in cui sceneggiatori esperti si sono cimentati e si cimenteranno nel proporre temi di conversazione ad un pubblico che, a sua volta, ha detto la sua.

In occasione dell’ultimo incontro della stagione, noi ragazze dell’Associazione Culturale Diciottoetrenta abbiamo deciso di aprire questo blog: gli spunti di riflessione sono stati tanti, e talmente interessanti che non volevamo che finissero.

Su questa piattaforma pubblicheremo articoli sul cinema in tutte le sue forme e sfaccettature, scritti da noi e dai nostri soci e collaboratori, ma perché no anche da chi avrà voglia di dare un proprio contributo.

Per sapere qualcosa di più sulle nostre attività, trovate i nostri contatti nell’angolino in fondo a sinistra.. se poi siete a Bologna e vi va di sorseggiare una pinta (di cinema, ovviamente) insieme a noi, ci trovate questo giovedì 21 maggio alla Tana del Bianconiglio, dalle 21, a parlare di: “Generi cinematografici: chi sale e chi scende”.